Campionato del Mondo Trail Running 2017: Christian Pizzatti, 1° degli Azzurri e 12° assoluto

img
 COMUNICATO STAMPA

 Campionato del Mondo Trail Running 2017: Christian Pizzatti, 1° degli Azzurri e 12° assoluto

(Video: https://www.facebook.com/trailrunningmovement/videos/1899595783620674/)

 Badia Prataglia, 10 giugno 2017Christian Pizzatti è il 1° Azzurro della squadra Nazionale Italiana a tagliare il traguardo al Campionato del Mondo di Trail Running appena terminato in Toscana a Badia Prataglia.

L’atleta, allenato e sponsorizzato da Trail Running Movement, contro tutti i pronostici, conduce un gara perfetta, in continua rimonta, e conquista il miglior piazzamento della squadra azzurra davanti ad atleti noti e di grande esperienza.

Christian, indubbiamente l’atleta di trail running rivelazione dell’anno, da quasi riserva a protagonista con un 12° posto assoluto al Campionato del Mondo, rappresenta i migliori valori dello sport italiano e di TRM: impegno, disciplina, passione, etica e lotta al doping.

La conquista della Maglia Azzurra è già un “caso di studio” per la rapidità dei tempi con cui è stato preparato l’atleta grazie ad un programma di allenamento intensivo di 6 mesi studiato appositamente per il Campionato del Mondo, messo a punto dagli allenatori e nutrizionisti dell’Equipe di Trail Running Movement.

Classifica degli Azzurri al Campionato del Mondo

UOMINI (4° a squadre): Christian Pizzatti: 12°, Stefano Fantuz: 16°, Luca Carrara: 24°, Massimo Mei: 32°, Fabio Ruga: 50°, Georg Piazza: 65°, Marco De Gasperi (non partecipante causa infortunio)

DONNE (3° a squadre): Silvia Rampazzo: 3°, Gloria Rita Giudici: 12°, Barbara Bani: 15°, Lidia Mongelli: 21°, Lisa Borzani: 24°, Lara Mustat: 35°

Christian Pizzatti, atleta seguito dal Team TRM, classe 1976 originario di Sondrio, racconta la sua esperienza: “La gara è stata durissima, competere con campioni provenienti da tutto il mondo è un’impresa quasi titanica, basta abbassare la concentrazione per pochi secondi per essere superati e perdere 1 o 2 posizioni senza possibilità di recuperarle. Ho gestito la prima parte della gara con molta razionalità facendo il mio ritmo e senza seguire gli atleti più esperti o perfino “lepri” messe in campo dalle squadre straniere più gettonate. Poi da metà gara ho tirato fuori il massimo, in continua rimonta. Avevamo studiato con il mio Team ogni particolare del percorso e i miei concorrenti, sapevamo che nella seconda parte di gara, la più tecnica, le mie caratteristiche avrebbero fatto la differenza. Il programma di allenamento è stato molto impegnativo, ma tutti i sacrifici fatti in questi mesi sono stati ampiamente ripagati nel momento stesso in cui ho tagliato la linea del traguardo”.

Cristina Tasselli, Presidente di TRM non nasconde la propria soddisfazione: “Abbiamo già raggiunto il nostro 1° obiettivo. Il piazzamento di Christian al Mondiale conferma che il Metodo TRM funziona perfettamente. Stiamo ancora lavorando per ottimizzare il programma di allenamento e di nutrizione in previsione della prossima gara sul Monte Bianco, la CCC° e siamo confidenti che il potenziale di Christian sia ancora tutto da valorizzare e ci siano ampi margini. Come allenatori e manager sappiamo che dobbiamo perseguire una continua ricerca ed innovazione che trova applicazione in programmi altamente personalizzati in funzione delle caratteristiche dell’atleta e delle gare obiettivo”.

Marco Mori, Vice Presidente, spiega “Sono mesi che sperimentiamo App ed apparecchiature di nuovissima generazione che ci aiutano a monitorare quotidianamente i parametri dei nostri atleti Elite. Negli Stati Uniti queste tecnologie sono molto diffuse, meno in Italia dove vogliamo diventare un precursore nell’utilizzo di questi strumenti nella preparazione atletica. Abbiamo cercato ed ottenuto la collaborazione di ottimi professionisti ed importanti Centri di Ricerca che sono oggi impegnati in questo progetto”.

Cristina Tasselli, conclude “Raggiungere, in poco tempo, i livelli di  preparazione professionale di Stati Uniti, Francia e non ultima la Spagna non sarà facile, ma siamo confidenti che abbiamo intrapreso la strada giusta. I fatti ce lo hanno appena confermato!”

Christian Pizzatti é stato selezionato, lo scorso dicembre, per partecipare al Progetto “TRM Champ 2017”, basato su una nuova metodica di allenamento a 360° in grado di coniugare sinergicamente un mix di attività: protocolli di test per valutare il potenziale e grado di preparazione, tecniche di allenamento, dieta alimentare, integrazione sportiva, mental coaching e fisioterapia preventiva. Il tutto, avvalendosi di Wearable Devices e App digitali, per monitorare costantemente l’evoluzione di tutti i parametri vitali e le prestazioni dell’atleta.

Il Metodo TRM, è stato adattato e arricchito del know how acquisito nell’estate 2016 grazie alle ricerche medico scientifiche del Progetto “Transpyrenea Extreme” condotto insieme al CNR di Pisa e sperimentate in prima persona dai preparatori atletici ed atleti Cristina Tasselli e Marco Mori nella gara più dura al mondo la Transpyrenea di 900km e 55.000m. D+, dove hanno portato l’Italia sul Podio.

I numeri di Trail Running Movement

  • Atleti allenati:89
  • Podi conquistati (2016): 19
  • Programmi di allenamento:
    • Training, 7 tipi (45km, 80km, 120km, 167km, 330km, 501km e 900km; Champ Elite)
    • Nutrition & Supplementation, 3 tipi (Daily, Integration, Champ Elite)
    • Physiothepy prevention, 2 tipi (Basic, Advanced)
    • Mental Coaching: 1 (S.F.E.R.A. in sperimentazione)
  • TRM Coach Certificati:3

 

ccc, endurance trail, LUCA CARRARA, Metodo allenamento TRM, MONDIALI BADIA PRATAGLIA, NAZIONALE TRAIL RUNNING, paolo germanetto, SILVIA RAMPAZZO, STEFANO FANTUZ, Trail Running Movement ; TRM corporate; Transpyrenea; Test materiali; endurance trail; 900 Km; Trail Running; trailrunning; ultratrail; Ultra Trail; Ultra distance, ultra trail, UTMB